E gli etero?

E gli etero?

569027874a0eeef40b2dcea3800cb370--art-is-fan-art

Parliamo di rappresentazione.

E’ San Valentino e, come ogni anno, ho dovuto impegnarmi più del dovuto nel consueto slalom tra nauseanti pubblicità indirizzate a lui per fare felice lei spendendo un sacco di soldi -in gioielli probabilmente prodotti con lo sfruttamento di risorse e persone-, post su ogni social che ti ricordano che se non hai ancora ballato con un principe azzurro appena incontrato nella foresta sei sbagliata e, più in generale, un’ossessione per questa festa che non ho mai particolarmente apprezzato perché si dovrebbe trattare di amore e troppo spesso è stereotipi e commercializzazione dei sentimenti.

Polemica iniziale a parte -che comunque non potevo evitare perché altrimenti non sono io- da un po’ di tempo apprezzo San Valentino perché diventa una bella occasione per parlare liberamente d’amore, di ogni forma di amore, anche di quello LGBT+, e sono rimasta piacevolmente colpita dai diversi modi in cui i gruppi di attivisti che si occupano di questo tema hanno trattato la questione: quello maggiormente gettonato è stato, ovviamente, la rappresentazione di coppie omosessuali.

Bellissimo, davvero.

Mi è piaciuto un sacco vedere foto, video, disegni, articoli che celebravano l’amore omosessuale semplicemente come amore, non come un tema politicamente rilevante, non come un problema da trattare per il raggiungimento della parità -tutte cose fondamentali, ovviamente, ma meno romantiche- finalmente si parlava esclusivamente di normalissimo amore.

Permettetemi una domanda: a qualcuno sembra che manchi qualcosa?

A quanto pare, a centinaia di etero pare che qualcosa manchi effettivamente.

Oggi, le persone eterosessuali, comprese quelle che si definiscono “alleate”, si sono ribellate alla loro mancata rappresentazione in quegli spazi che si sono occupati di celebrare l’amore omosessuale.

Oggi, le persone eterosessuali hanno scoperto cosa significa essere sottorapresentati.

Quello che doveva essere la celebrazione di qualcosa di bello e troppo spesso non considerato e un modo di affermare la normalità delle persone LGBT+ ricordando che esistono, si è trasformato nel capriccio degli “allies” che si sono visti strappare per un secondo i riflettori, perché per un attimo non erano al centro dell’attenzione, perché se le coppie rappresentate sono solo donna-donna o uomo-uomo è evidente che si tratti di una disperata richiesta di aiuto: PER FAVORE RICORDATECI CHE ESISTONO GLI ETERO!!!

Lasciate che vi dica una cosa, cari alleati: ce ne sono state di categorie, di persone, sottorappresentate oggi e non si trattava di voi. Provate, per qualche istante, a fare a meno del vostro privilegio, della vostra costante sete di attenzione, perché, se per un momento qualcuno di diverso da voi rivendica autonomamente il proprio diritto all’esistenza senza ringraziarvi dello spazio gentilmente e magnanimamente concesso, nessuno si scorda che ci siete.

La Mucca Intellettuale

Advertisements

6 thoughts on “E gli etero?

    1. Diciamo che quello che è emerso da alcune reazioni ieri è più o meno questo.
      Poi chiaramente non si può generalizzare e sicuramente non erano la maggior parte, però è frustrante vedere etero che ricordano alla comunità LGBT+ che esistono anche loro come se fossero stati cancellati.

      Liked by 1 person

      1. Ricordo, qualche anno fa, che due etero si lamentavano che la comunità LGBTQIA+ stava prendendo il sopravvento e volevano organizzare un etero pride, altrimenti sarebbero divenuti loro la minoranza da “tollerare”.

        Liked by 1 person

  1. Non sapevo di questa cosa nemmeno io, anche se una volta in un gruppo lessi una discussione dove un conoscente disse di sentirsi infastidito dalle immagini a tema omosessuale nei film, fumetti ecc, venendo contrastato da un altro che disse “Anche io potrei dire la stessa cosa, di voi etero”.
    Per dieci etero nei media, uno omosessuale non è “troppo”

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s